IMG_20121127_122048

Quella di Osilo


Ci sono strade che per un runner hanno significati diversi. Ci sono asfalti  che hanno un sapore particolare. Non importa se il meteo dice neve o pioggia. Non importa se il cielo promette sole a picco e 40 gradi all’ombra.

Un paio d’anni fa ho scoperto questi 13 km di salita che io chiamo “quella di Osilo”. Osilo è un paesino arroccato a poco meno di 700 metri sul livello del mare, alle porte di Sassari. Pendenze impegnative. Pochissime auto. Qualche bici.

Ci vado quando cerco di capire come stanno le gambe. Ma soprattutto in quei tredici km ascolto la mia testa. Attorno solo campagna. Nelle orecchie la playlist del giorno. Spesso cattiva. Sempre irrinunciabile. Specie per un runner pigro come me. Che con la musica tenta di sopperire ad allenamenti non sempre rigorosi.

Stamattina “quella di Osilo” era una lunga striscia di #asfaltobollente. Un’ora e 12 minuti a parlare con me stesso sotto il sole di mezzogiorno. In questo luglio non ancora troppo rovente.

 


Informazioni su Alessandro Accalai

Babbo, sognatore, maratoneta. Nato a Sassari nel meraviglioso 1970 ha studiato di economia e società, specializzandosi poi all'estero con la scusa di imparare l'inglese tra una birra ed un fish&chips. Ha iniziato il suo percorso professionale tra marketing e commerciale lavorando per alcune importanti multinazionali (dal petrolifero alle energie alternative, poi ancora alimentari e - più di recente - beverage). Attualmente si occupa di Trade Marketing B2C in Italia per conto di una nota azienda birraria. Fin da ragazzino - e quindi tuttora - appassionato di scrittura creativa e di racconti brevi. Dicono di averlo visto collaborare all'interno di varie redazioni tra riviste, quotidiani e radio locali. Però lui è uno che va sempre di fretta. E invece nella vita talvolta bisogna saper aspettare. Runner da dieci anni (ovvero da quando i runners si chiamavano podisti) è diventato maratoneta nel 2011 a Edimburgo. Nello stesso anno ha dato vita ad un progetto di personal fundraising noto sui social network come #centomilapassi e grazie al quale ha contribuito alla realizzazione delle reti idriche che hanno permesso di portare acqua pulita in due piccoli villaggi nel Casamance, sud del Senegal. Nel 2102 ha fondato ForKidsForLife, una piccola officina di idee che promuove attività di raccolta fondi a sostegno di organizzazioni noprofit impegnate in campagne rivolte ai più piccoli.

Lascia un commento