1365BA13-1376-4BE1-907D-81BCBD385B23

Prima che tutto cambiasse


1365BA13-1376-4BE1-907D-81BCBD385B23

Il nostro #MilanoValencia è iniziato dieci giorni fa. Il 6 agosto – lasciata Arona – prima tappa di questo viaggio con Nicole fu proprio Genova. Che dai, babbo ti porta a pranzo in un bellissimo posto sul lungomare, a Nervi. Che qui vengo spesso a dormire quando ho impegni di lavoro. Che c’è un posto dove vado sempre a correre. Che però sta a Levante. Che in pratica sarebbe dalla parte opposta rispetto a quella dove siamo diretti noi. Che noi per avvicinarci alla Francia dobbiamo andare a Ponente. Però dai, abbiamo tutto il tempo. Facciamo un bagno in un posto che conosco dove c’è una piscina scavata nella roccia. E poi mangiamo qualcosa e ci rimettiamo in strada. Abbiamo attraversato il Ponte Morandi due volte io e Nicole quel pomeriggio. La prima volta in direzione Nervi arrivando da Milano. Che la A10 era bloccata come altre mille volte l’ho trovata bloccata in tutti questi anni. Però era la prima volta che passavo su quel ponte con Nicole. Ho spiegato che era abbastanza normale che quella strada fosse così trafficata. Le dissi guarda laggiù in fondo, si vede tutta la città. Che questo ponte collega le due anime di Genova. Che senza questo ponte arrivare a nord o in Francia sarebbe molto più complicato. E non solo per gli abitanti di Genova. Ma per mezza Italia. Al ritorno il Ponte Morandi era invece decisamente più scorrevole. Che erano le sei del pomeriggio e Nicole già dormiva. Un paio d’ore più tardi saremmo arrivati ad Antibes. E poi niente, volevo condividere solo questo piccolo frammento. Che oggi non ho niente altro da scrivere. Se non che un paio d’ore fa siamo arrivati a Valencia. E che senza quel ponte anche questo viaggio sarebbe stato diverso. Come in fondo tante altre cose e tante altre storie di vita da oggi saranno diverse.


Informazioni su Alessandro Accalai

Babbo, sognatore, maratoneta. Nato a Sassari nel meraviglioso 1970 ha studiato di economia e società, specializzandosi poi all'estero con la scusa di imparare l'inglese tra una birra ed un fish&chips. Ha iniziato il suo percorso professionale tra marketing e commerciale lavorando per alcune importanti multinazionali (dal petrolifero alle energie alternative, poi ancora alimentari e - più di recente - beverage). Attualmente si occupa di Trade Marketing B2C in Italia per conto di una nota azienda birraria. Fin da ragazzino - e quindi tuttora - appassionato di scrittura creativa e di racconti brevi. Dicono di averlo visto collaborare all'interno di varie redazioni tra riviste, quotidiani e radio locali. Però lui è uno che va sempre di fretta. E invece nella vita talvolta bisogna saper aspettare. Runner da dieci anni (ovvero da quando i runners si chiamavano podisti) è diventato maratoneta nel 2011 a Edimburgo. Nello stesso anno ha dato vita ad un progetto di personal fundraising noto sui social network come #centomilapassi e grazie al quale ha contribuito alla realizzazione delle reti idriche che hanno permesso di portare acqua pulita in due piccoli villaggi nel Casamance, sud del Senegal. Nel 2102 ha fondato ForKidsForLife, una piccola officina di idee che promuove attività di raccolta fondi a sostegno di organizzazioni noprofit impegnate in campagne rivolte ai più piccoli.

Lascia un commento